Privacy Policy Marie Paradis - Le Donne che hanno segnato l'Alpinismo

Marie Paradis

Donne e Alpinismo

Marie Paradis

Marie Paradis nacque probabilmente a Chamonix o nel vicino paese di Saint-Gervais-les-Bains, una targa è infatti stata installata per ricordarne la provenienza.
Lavorava come cameriera a Chamonix, la sua passione era la camminata, non aveva invece alcuna esperienza di alpinismo.
Il 14 luglio 1808 accettò di unirsi ad un gruppo di scalatori guidati da Jacques Balmat, primo alpinista a  scalare la vetta del Monte Bianco nel 1786, intenzionati a scalare nuovamente la montagna.
Balmat e i suoi compagni avevano come obiettivo di farsi un po’ pubblicità, portando per la prima volta una donna sulla cima del Monte Bianco e la stessa Paradis sperava che l’impresa le avrebbe fatto guadagnare qualche mancia dai suoi clienti alla locanda.

Per Marie l’impresa si dimostrò più complicata del previsto, non abituata alle ascensioni a quelle altitudini, fu infatti trasportata in spalla dagli uomini della spedizione, nell’ultima parte della scalata, perché esausta e con difficoltà respiratorie. Non riusciva più a parlare e aveva anche problemi di vista, soffriva talmente tanto che avrebbe preferito essere lasciata a morire.
E grazie all’aiuto dei suoi compagni di scalata riuscì a raggiungere la vetta e a ridiscendere a valle. E’ ricordata come la prima donna ad aver raggiunto la sommità del Monte Bianco.

In seguito Paradis riprese il suo lavoro come cameriera e non compì altre scalate, ma venne soprannominata Marie du Mont Blanc. Chamonix l’ha ricordata negli anni con innumerevoli dediche: una scuola a Saint-Gervais-les-Bains, la passeggiata che costeggia il fiume a Chamonix, una strada a Valence e La Roche-sur-Yon, un vicolo ad Annecy, una palestra a Parigi e una a Blainville-sur-Orne.

Cosa ne penso?

Marie forse non è arrivata in cima con le sue gambe, ma merita tutto il nostro rispetto, per essersi sfidata e messa in gioco, in un epoca dove la donna non aveva ancora diritti. Forse voleva solo farsi pubblicità, forse non aveva la vera passione per la montagna che in realtà le donne che conosceremo hanno dimostrato di avere, certo è che il suo coraggio e la sua determinazione sono state sicuramente di ispirazione per tutte le donne del periodo.

Clicca il pulsante se vuoi scoprire la storia di altre Donne.

Condividi:

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi